Facebook Twitter Google+

CONECTANDO MUNDOS 2019-2020.
Get In the loop: UN FUTURO IN EQUILIBRIO

La sfida che il XXI secolo pone all'umanità è di sconfiggere la povertà e garantire la prosperità a tutti con le limitate risorse del pianeta.

Le profonde disuguaglianze in termini di reddito, genere e potere fanno sì che milioni di esseri umani vivano in povertà ed esclusione e siano discriminati economicamente e socialmente. Quasi 900 milioni di persone soffrono la fame; 1.400 milioni vivono con meno di 1,25 dollari al giorno e 2.700 milioni non dispongono di attrezzature per cucinare in condizioni igieniche.

Conseguire uno sviluppo sostenibile, significa garantire a tutte le persone le risorse di cui hanno bisogno - cibo, acqua, assistenza sanitaria ed energia - affinché i loro diritti umani siano effettivamente garantiti. Ciò significa anche garantire che il consumo di risorse naturali non provochi una pressione sui processi vitali del sistema terrestre -generando cambiamenti climatici e perdità di biodiversità, al punto tale che, per esempio, la Terra esca dal suo periodo di stabilità, conosciuto come Olocene, che è stato così favorevole per l'umanità negli ultimi 10.000 anni.

Riuscire a vivere in questo spazio sicuro e giusto per l'umanità è una sfida complessa, perché i limiti sociali (come la fame, la disuguaglianza o la mancanza di salute) e i limiti ambientali del pianeta (come i cambiamenti climatici o la perdita di biodiversità) sono interdipendenti. Lo “stress” ambientale può aggravare la povertà e viceversa. Per questo motivo, abbiamo bisogno di politiche ben concepite e nuove abitudini di consumo e di produzione per conseguire uno sviluppo sostenibile ed inclusivo.

+ info


In questa edizione di Conectando Mundos/Connecting Worlds, ci siamo posti i seguenti obiettivi:

  1. Ripensare in modo critico il concetto di crescita e sviluppo basandoci sui principi di sostenibilità ambientale e giustizia sociale.
  2. Conoscere e analizzare le cause e le conseguenze dell'attuale modello di produzione e consumo per comprendere i suoi effetti insostenibili sulla vita delle persone e del pianeta.
  3. Proporre modelli alternativi di sviluppo economico, più rispettosi della vita delle persone e del pianeta, a partire dalla conoscenza delle proposte alternative già esistenti.
  4. Promuovere azioni e comportamenti trasformativi, individuali e collettivi, che implichino la creazione di nuove proposte per uno sviluppo sociale ed economico più giusto e sostenibile.